Cerca:

__________________________________________________________

Avalon logo Dr. Paul LaViolette:
La Terra sotto tiro: Superonde Galattiche


Dr. Paul LaViolette:
La terra sotto tiro: Superonde Galattiche
Lagonissi, Grecia, 29 Luglio 2009

Click qui per l'intervista video (in inglese)


[Ed note: Normalmente le trascrizioni che avevano alcune parti in esse che erano state difficili da udire per le persone che si erano occupate della trascrizione erano messe tra parentesi quadrate e in rosso per Bill Ryan in modo che correggesse le parti mancanti ma a causa di interruzioni impreviste del normale processo di lavoro di Project Camelot, non è stato possibile portare avanti questo processo, così le parti inudibili sono state lasciate tra parentesi quadre.]

Introduzione:

PAUL LaVIOLETTE (PLV): Questo è il problema con i Black Projects. Sono completamente isolati dal resto del mondo, scoprendo cose come se le avessero trovate essi stessi per la prima volta, mentre qualsiasi altra persona abbia fatto molto lavoro sul soggetto considerato è lasciata fuori dal "giro"; le persone dovrebbero veramente essere portate nell'ambiente dal di fuori per aiutare.

Perchè tenerlo segreto? Tutti vogliamo essere d'aiuto per prepararci per il prossimo evento.

Personalmente, il mio punto fermo, derivante da tutto il lavoro che ho fatto, è che posso parlare solo di probabilità, che siamo in ritardo per un evento, ma non so quando tutto questo avverrà. Posso dire che nei prossimi 400 anni, c'è il 90% di possibilità che ne avremo uno. Che sia uno grande o piccolo, non lo so. E' il meglio che posso dire.

Ora, direi qualcosa di totalmente differente se avessi avuto prove reali che ce ne è stato uno, che qualcuno ne abbia rilevato uno.

E questo avrebbe avuto anche quello che chiamiamo un EMP - Pulsazione ElettroMagnetica - associato, similare a quello che un esplosione nucleare ad alta quota provocherebbe nell'atmosfera.

KERRY CASSIDY (KC): Così, sei tu quel raro tipo di persona, "Uno scenziato con una coscienza?"

Inizio dell'Intervista:

Bill Ryan (BR): Siamo Bill Ryan e Kerry Cassidy del Project Camelot, è Mercoledì, 29 luglio, 2009, e siamo a Lagonissi, che è appena a sud di Atene in Grecia. È nostro grande piacere essere qui, perché siamo con il Dr. Paul LaViolette, che è meglio descritto, credo, come un astrofisico fuori dalla norma, che ha alcune teorie molto importanti che possono eventualmente avere un certo impatto per le persone su questo pianeta in questo momento.

Siamo qui per chiedere a Paul di spiegare l'"ipotesi della Superonda Galattica".

KC: Quindi Paul, perchè non ti presenti e dici qualcosa del tuo background?

PLV: Beh, sono cresciuto in una famiglia di scienziati a Schenectady, New York. Entrambi i miei genitori avevano lavorato al "Manhattan Project." Mio padre era un ingegnere nucleare, lavorava su sottomarini nucleari al momento, così mi hanno parlato in tenera età di reattori nucleari e fisica nucleare. Sono stato introdotto nella scienza molto presto, avevo hobby in chimica, elettronica, articoli pirotecnici. (Ride) ero il compagno di strada che lanciava i razzi dal suo cortile di casa - quasi rischiando un brutto incidente. Ci siamo trasferiti in Grecia per un paio di anni, è stata una bella esperienza quando ero al liceo. Sono andato al John Hopkins per la mia laurea in Fisica. Poi ho preso un MBA. Ero un obiettore di coscienza, così nel mezzo della mia laurea, ho dedicato due anni per fare il servizio alternativo, stavo lavorando ad Harvard facendo ricerca sulla salute pubblica, in materia di protezione delle vie respiratorie dei lavoratori. Poi dopo aver terminato presso l'Università di Chicago - il mio MBA - ho fatto il mio dottorato di ricerca in System Science presso l'Università di Portland State. Sono serviti parecchi anni per questo.
Quindi ho fondato la Fondazione Starburst dopo la laurea ed è ancora attiva. Si tratta di un istituto di ricerca.

KC: Quale ricerca?

PLV: Beh, l'ho fondata con lo scopo di indagare ulteriormente il "Fenomeno della Superonda", e nel caso in cui i segni di una superonda fossero in arrivo, saremmo andati in allarme, come quando si ha il primo avviso dei segni di un terremoto, quindi mandi a tutti l'allarme. Siamo stati di fronte ad un fenomeno che poche persone conoscevano, così mi sono sentito obbligato a cercare di fare del mio meglio per informare le persone su questo nuovo concetto.

KC: Quindi hai addestrato e assunto persone che erano in grado di gestire e comprendere la scienza dietro la superonda?

PLV: A un certo momento abbiamo avuto alcuni volontari per dare una mano, ad esempio, quando abbiamo avuto campioni di carote di ghiaccio provenienti dall' Olanda, per trasportare il ghiaccio, ma non abbiamo mai veramente avuto un finanziamento serio tanto da essere in grado di assumere persone.

KC: Ok.

PLV: La maggior parte degli istituti di beneficenza erano interessati a finanziare le arti e hanno immaginato che la scienza fosse lasciata alla National Science Foundation della NASA, ma loro (NSF-NASA) tendono a finanziare la ricerca di tipo molto convenzionale, che si adatta perfettamente con il paradigma.

KC: Quindi quello che stai dicendo in sostanza è che si è creato questo Istituto? Oppure lo chiameresti think tank o ...?

PLV: Lo chiamerei istituto di ricerca.

KC: Istituto. Okay. E in teoria è pronto in caso in cui si scopra che la superonda è davvero sulla strada. Ma in un certo senso, non avete scoperto che questo è già vero?

PLV: Beh, sì. C'è un superonda sulla strada dal centro della galassia - è a 23.000 anni luce di distanza percorsa. Credo che non sia una, ma che siano diverse in cammino verso di noi. Ci sono stati altri fini anche per la Fondazione, altro lavoro su una fisica che ho sviluppato, chiamata Cinetica Subquantica, che ha implicazioni sia per le nuove tecnologie che per la cosmologia. In realtà, rivede completamente il nostro modo di considerare il mondo, l'Universo. Anche io ho fatto alcuni lavori nel campo psicologico della formazione del pensiero e questa era una possibile terza area in cui possiamo investigare. L'energia alternativa è stato un quarto argomento. Così, tutte queste cose...

KC: Ok, stai dicendo che esiste un superonda galattica per strada e pensi che ce ne sia più di una.

PLV: Sì. Diverse.

KC: Diverse.

PLV: Mm-hm.

KC: Ok, e il motivo per cui pensi che siano più di una ...?

PLV: Beh, si guarda al passato per capire il futuro. In questo caso hai a che fare con un fenomeno ciclico. Abbiamo il record delle carote di ghiaccio sia dall'Antartide che dalla Groenlandia e la gente ha misurato il berillio-10, che è un indicatore di intensità dei raggi cosmici sulla superficie della Terra. Così abbiamo una sorta di tabella di come l'intensità dei raggi cosmici sia variata nel corso delle ultime centinaia-migliaia di anni, e tornando indietro vedi questi picchi. Avevo previsto che avremmo trovato i picchi quando ho fatto la mia dissertazione su questo argomento a Portland State University per il dottorato di ricerca e in seguito sono arrivati i dati e in effetti, ci sono stati i picchi. Potete prendere questi e analizzarli e guardare i periodi. Troverete che ci sono certi periodi che risultano da questi dati. Uno di loro è di circa 26.000-28.000 anni, che è approssimare il ciclo di precessione della Terra. In realtà, i due tendono a combaciare in un certo modo che è molto interessante.
Un altro è di circa 11500 anni. E il terzo è di circa 5.700 anni, che è vicino al ciclo del calendario Maya. E si vede che si è verificato un evento importante, alla fine dell'Era Glaciale tra 11.000 e 16.000 anni fa, e che siamo in effetti in ritardo ora per un altro.
Ci sono stati eventi minori. Si vede un piccolo evento intorno a 5.300 anni fa, ma è durato forse 20 anni o giù di lì. Abbiamo anche eventi molto piccoli - in media ogni 500 anni circa - da allora. Ci sono stati 14 piccoli sbuffi di gas che sono stati emessi dal centro galattico, il che indica che era attivo, ma non è stato abbastanza attivo per creare un picco che si può vedere nel record (dei ghiacci).

KC: Quindi lo hai determinato esaminando le carote di ghiaccio e la quantità di detriti contenuti? Mi sbaglio?

PLV: Beh, hanno analizzato il berillio-10, che è un elemento radioattivo. E' prodotto in atmosfera dai raggi cosmici. Non ha origine sulla Terra perché, essendo radioattivo, si dissipa infine, decade. Ha un tempo di dimezzamento più lungo del carbonio-14, quindi possono andare più indietro che col carbonio-14, con questo.

KC: Ok. Quindi, quando si dice che c'è un piccolo evento, cosa si intende? Come influenza la Terra?

PLV: Il piccolo evento che è accaduto 5.300 anni fa, era solo un piccolo picco ed era facile da perdere. E 'stato visto solo perché questo ricercatore ha fatto un particolare studio molto dettagliato del ghiaccio e l'hanno trovato - senza evidenziare cosa fosse. Sono stato io a portarlo all'attenzione. Allo stesso tempo, un altro ricercatore ha scoperto che il clima si è raffreddato inspiegabilmente a quel tempo ed è diventato secco. In effetti, nelle Ande hanno trovato... Lonnie Thompson, un glaciologo con cui ho lavorato nel periodo in cui stavo facendo il mio dottorato di ricerca, è stato colui che mi ha inviato i campioni di ghiaccio da Camp Century, che ho analizzato.

La sua squadra ha trovato vegetazione reale congelata nel ghiaccio, una specie di congelamento flash, aveva ancora un colore verde, sai, come se ci fosse stata una grandinata in quel momento. E' lo stesso anno hanno trovato l'uomo dei ghiacci, l'uomo del ghiaccio nelle Alpi risale a circa lo stesso periodo. Così sembra anche che ci siano state bufere di neve improvvise in quel periodo.

KC: Quindi stai pensando che questa superonda potrebbe causare una glaciazione?

PLV: In questo caso non lo ha fatto. Il piccolo evento non ha causato un'era glaciale, ma ha causato il raffreddamento. Ma in un evento più grande ... Noi vediamo questi eventi che si verificano all'inizio dell'ultima era glaciale. Li vedi in fila, non solo con l'inizio dell'era glaciale, ma anche nel finale, e con le principali transizioni climatiche in mezzo. Quindi c'è un nesso preciso tra il clima e le superonde.

KC: Ok.

BR: Vorrei porre alcune domande qui per conto di un sacco di ascoltatori intelligenti che abbiamo, che sono attenti al tuo nome e al fatto che hai detto alcune cose considerate da molte persone intelligenti come importanti, ma ancora non sanno cosa sia un superonda. Mi chiedevo se è possibile spiegarlo e dire ai nostri spettatori: Che cos'è una superonda? Esistono o è solo un evento ipotizzato? E perché dovrebbero interessarsene?

PLV: Una superonda consiste di elettroni dei raggi cosmici, raggi gamma, raggi X, luce, onde radio - attraverso l'intero spettro - insieme ad un'onda gravitazionale, e questo viaggia alla velocità della luce verso il nostro sistema solare. In realtà, si propaga in tutta la galassia intera, come una sorta di guscio sferico in viaggio fuori dal centro della galassia.

BR: Quindi, in termini semplicistici, è un'enorme esplosione galattica in scala cosmica proveniente dal centro della galassia.

PLV: Esatto. Abbiamo tutti sentito parlare di gamma-ray burst.

BR: Sì.

PLV: In effetti, alcuni scienziati hanno teorizzato che i raggi gamma siano accompagnati da particelle cariche provenienti assieme, che in realtà siano le particelle cariche che generano i raggi gamma nel percorso. Questa è una superonda, tranne che su una scala molto più vasta. Invece di uno scoppio, solo di una frazione di secondo, abbiamo a che fare con qualcosa che potrebbe continuare per centinaia, addirittura migliaia di anni.

KC: Quando dici che potrebbe continuare per centinaia o migliaia di anni, intendi dire che può viaggiare per centinaia o migliaia di anni prima di arrivare qui? Oppure stai dicendo che il suo impatto effettivo sulla Terra può essere della durata di centinaia o migliaia di anni?

PLV: Il periodo effettivo che la Terra passerebbe attraverso questa tempesta - si può pensare ad essa come una tempesta galattica - potrebbe essere tra poche centinaia di anni a migliaia di anni, come 4.000 anni, forse 5.000 anni.

KC: Quindi stai vedendo tracce nel passato - perché hai detto che ogni 26000 anni ne abbiamo evidenza e combacia con la precessione degli equinozi. Stai dicendo che in quel periodo ci sono prove del fatto che era in corso, il suo impatto è durata fino a 4.000 anni? Oppure a quei tempi è durata per periodi più brevi?

PLV: Se si guarda il record - nel mio libro ho mostrato il record del berillio-10 - vedi, per esempio, circa 40.000 anni fa ci fu un picco molto forte, della durata di 5.000 anni. Questo è in realtà un evento molto studiato da parte di altri glaciologi. Tutti concordano sul fatto che l'intensità dei raggi cosmici è salita in quel momento, anche se propongono una teoria alternativa sull'esplosione di una supernova, senza dire dove si trovava la supernova. Hanno suggerito una stella vicina esplosa. La mia risposta è che questo accade molto raramente, avere una stella che esplode vicino a causare l'aumento dell'intensità dei raggi cosmici in modo significativo sulla Terra. E stiamo parlando di molti picchi, sai. Volevano solo spiegare quel singolo, ma che dire ... Nel record che abbiamo, c'è qualcosa come da dodici a quindici picchi.

KC: E questi sono ciclici quindi, in sostanza, le stelle non esplodono su base ciclica, per quanto ne sappiamo.

PLV: E 'l'altra cosa. Sì.

KC: Ok.

BR: Vorrei chiederti, Paolo, esiste un riconosciuto ipotetico meccanismo per cui qualsiasi cosa sia al centro della galassia - e ci sono quelli che pensano che sia un buco nero - emetterebbe queste superonde su base ciclica? Esiste qualche cornice teorica per l'esistenza di tale periodicità?

PLV: Non ho sentito nulla che sia stato presentato per spiegare la natura ciclica. Penso che per loro sia una sorta di mistero. La visione convenzionale ... perché vedono questo succedere in altre galassie. Si chiamano galassie che esplodono, o galassie Seyfert; quasar. Questi sono vari nomi per lo stesso tipo di cose. Ad un certo punto hanno pensato che un quasar fosse un oggetto insoltio nello spazio, quando in realtà, si scopre che è una galassia, il cui centro è diventato così luminoso che sembra una stella e non vedono la stessa galassia. Ma con il telescopio spaziale, hanno trovato i bracci a spirale.

Si potrebbe pensare che queste galassie che esplodono hanno un ciclo dell'ordine di diverse centinaia di milioni di anni e che il periodo di esplosione sarebbe durato circa un paio di milioni di anni, con l'idea che, se è accaduto nella nostra galassia - perché loro lo direbbero, Bene, è possibile che accada nella nostra galassia, anche, ma dicono, Bene, siamo in un periodo di riposo adesso, che dovrebbe durare per almeno altri 50 milioni di anni, quindi non dovremmo preoccuparcene adesso. E anche se è accaduto, la visione convenzionale è che questi raggi cosmici verrebbero tenuti indietro dai campi magnetici, che questi verrebbero in nostro aiuto per evitare che i raggi cosmici lascino il centro della galassia.

KC: Quindi per tornare alla tua teoria, però, quella che chiami la superonda, hai evidenza che ci troviamo nel bel mezzo di una superonda ora? O diverse di queste, che dici?

PLV: No, non sono arrivate. Siamo nell'occhio del ciclone, il periodo di bel sole in mezzo prima della tempesta. Il fatto è che non puoi vederli arrivare, perché viaggiano alla velocità della luce, quindi è un fenomeno che è totalmente senza preavviso, proprio come un lampo di raggi gamma. Essi lo sanno solo quando arrivano ai loro rivelatori, quindi sono in grado di individuare da dove proviene.

KC: Beh, se arriva al nostro sistema solare, gli pianeti verrebbero colpiti prima?

PLV: Sì. Influisce su tutti i pianeti, tutte le stelle.

KC: Quindi, in un certo senso, si potrebbe vedere che sta arrivando se vediamo gli effetti sugli altri pianeti, prima che colpisca la Terra. È così?

PLV: Beh, anche la luce degli effetti sugli altri pianeti viaggia alla velocità della luce, in modo che viene dopo l'evento.

BR: Sì. Capisco molto bene che questo è qualcosa che non puoi vedere accadere a causa della natura della velocità limitata della luce e questo è qualcosa che viaggia verso l'esterno alla velocità della luce. Quindi, fondamentalmente, questo si avvicina e ti colpisce da dietro, per così dire, e non hai avvertimento.

PLV: Già. Ci sarebbe un solo modo che posso vedere per cui si potrebbe avere avvertimento. Se, diciamo, una ipotesi, ci fossero delle civiltà nella galassia, ci fosse vita intelligente, che hanno riconosciuto l'importanza di sapere quando avvengono questi fenomeni e di creare avamposti in diversi punti che sono stati in grado di inoltrare il segnale a velocità superluminale - in altre parole, che viaggia più velocemente della luce - per ottenere l'avviso qui, allora sapremmo esattamente quando la prossima è in arrivo. Questo è possibile.

BR: Sì

KC: Ok, in realtà abbiamo un testimone, lo chiamiamo Jake Simpson, che ha detto che hanno fatto inviare un mezzo superluminale fuori da questo sistema solare e che hanno visto un'onda si avvicinava. L'ha chiamata un'onda. Non siamo sicuri se effettivamente intendesse un'onda, ma in sostanza hanno visto qualcosa di diretto verso di noi.

PLV: Chi è?

KC: La gente per cui lavora nei Black Projects, fondamentalmente. Questo è Jake Simpson. Così questa è uno dei motivi per cui abbiamo voluto sentire la tua teoria, perché in molti modi, sembra coincidere con quello che diceva, con quello che vedevano.

PLV: E quanto è vicina? Lo ha detto?

KC: In questo periodo, tra oggi e il 2017.

PLV: Mm-hm.

BR: Sì, è stato molto interessante. E 'stata una conversazione che ho personalmente avuto con lui lo scorso ottobre, quando ci siamo incontrati. Non è un fisico, ma è un uomo intelligente. Ha lavorato per i progetti oscuri all'interno e ci ha detto cose che sono al limite di ciò che può dire. Ciò che ha detto è che sta arrivando un'onda. Ha sottolineato che l'onda era una sorta di termine insufficiente, era una metafora. Ha detto di pensare in termini di un'onda. Ha detto così. E non ho idea se lui è al corrente della tua teoria.

PLV: Beh, questo è il problema con i Black Projects. Sono completamente isolati dal resto del mondo e scoprono le cose come se le trovassero per la prima volta, mentre tutti gli altri che possono aver fatto un sacco di lavoro sul tema rimangono fuori dal giro. Le uniche persone che perdono sono la razza umana, in fondo. Perché ci sono stato, ho lavorato sulle superonde dal 1979, e così per circa 30 anni e sarei felice di lavorare con loro. Credo che avrei qualcosa per contribuire, se avessero effettivamente alcune informazioni del genere.

KC: Quindi in realtà è possibile che stiano seguendo il tuo lavoro? Traendone vantaggio?

PLV: Oh, sono sicuro che hanno comprato il mio libro e che si sia diffuso tra gli scienziati dei Black Projects.

KC: Specialmente se i tuoi genitori, come hai detto, hanno lavorato nel Progetto Manhattan.

PLV: Beh, indipendentemente da questa, penso che siano alla ricerca di nuove tutto il tempo come per incanalare questo in quello che stanno facendo. Credo che in qualche misura si rendano conto di non avere tutte le idee, che esiste materiale interessante altrove.

Ma penso che sia così, davvero, che la gente dovrebbe essere portata dall'esterno per collaborare. Perché tenerlo segreto? Noi tutti vogliamo dare una mano, per prepararci al prossimo evento. Personalmente, il mio punto di vista è, da tutto il lavoro che ho fatto, posso solo parlare di probabilità, che siamo in ritardo per uno di tali eventi, ma non so quando avverrà.

Perché io sto guardando il record passato, vedo i cicli. Vedo quando gli ultimi avvenimenti si sono verificati e posso dire che entro i prossimi 400 anni, abbiamo il 90 per cento di probabilità che ne avvenga uno. Che si tratti di una piccola o una grande, io non lo so. Ecco, questo è il meglio che posso fare. Ora, vorrei dire qualcosa di completamente diverso, se avessi la prova reale che ne sia avvenuta una, che qualcuno abbia effettivamente rilevato un evento di questi. La Fondazione Starburst, per esempio, avrebbe ingranato la marcia per dire, sai: Dobbiamo iniziare a prepararci. Non siamo pronti per qualcosa di simile. Nemmeno per una flare solare di Carrington che potrebbe spazzare via tutti i sistemi di alimentazione, se accadesse.

KC: Quindi stai dicendo che la superonda porterebbe a cancellare i sistemi d'alimentazione energetica?

PLV: Oh sì.

KC: Quali altri effetti potrebbe avere?

PLV: La cosa è, la superonda, sarebbe una specie di denso shock-front di raggi cosmici e in aggiunta avremmo quello che noi definiamo EMP - impulso elettromagnetico - simile a quello che un'esplosione nucleare a grande altitudine farebbe in atmosfera. Quando questa arriva, produce fenomeni simili, proprio come la Starfish Explosion - Credo che sia accaduto vicino alle Hawaii - e quando l'onda EMP è arrivata, intere sezioni dell'isola sono andate in black-out di conseguenza. E friggerebbe anche i circuiti elettronici; i telefoni andrebbero fuori uso. Abbiamo avuto eventi ancora più piccoli, come lampi di raggi gamma, che hanno colpito i sistemi di comunicazione e li hanno danneggiati. Quindi, qualcosa di simile arrostirebbe praticamente tutte le apparecchiature satellitari che abbiamo. I telefoni cellulari non funzionerebbero. Le TV sarebbero fuori uso se dipendessero dai satelliti. Forse i telefoni continuerebbero a funzionare se fossero in fibra ottica, se fossero isolati da questo genere di cose. Le linee elettriche subirebbero l'impulso. I fili avrebbero un aumento enorme di tensione che friggerebbe i trasformatori -che vanno dai milioni di volt di tensione verso il basso per le tensioni che si utilizzano in casa.

KC: Avrebbe effetto anche sulle auto che abbiamo ora?

PLV: Le vetture che funzionano tutte con i chip ora. Nel caso di un impulso da un'esplosione nucleare, per esempio, avvertono che potrebbe friggere i chip in una macchina.

KC: E questo è qualcosa che potrebbe durare per un centinaio di anni, stai dicendo, una volta arrivato.

PLV: Il fronte - si sta parlando di qualcosa che potrebbe durare solo un minuto e sarebbe, probabilmente, preceduto da un'ondata gravitazionale che causerebbe terremoti, eventi sismici su tutta la Terra, non solo in un unico posto. Quindi questo potrebbe essere il primo avvertimento, in realtà, scosse.

BR: Lasciami un attimo solo per aiutare i telespettatori a capire, per lo più per aiutare me a capire questo. Una superonda incorporar un burst di gamma-ray o sono due fenomeni diversi che stai descrivendo?

PLV: Diversi. I lampi di raggi gamma di cui parlano di solito provengono da esplosioni stellari isolate, forse esplosioni di supernova molto potenti. Coinvolgono particolare fisica, le stelle sono molto particolari, come stelle di neutroni che si scontrano e così via.

BR: Okay.

PLV: Il fatto è che qualunque cosa esse siano, possiamo solo immaginare, perché sono molto lontane. La maggior parte dei lampi di raggi gamma che stiamo rilevando provengono da altre galassie, a milioni di anni luce di distanza. Abbiamo osservato soltanto un caso, che veniva dall'interno della nostra galassia. Era un posto vicino al centro galattico, ma non nel nucleo. Quello che è insolito, è che circa due giorni prima del lampo di raggi gamma, abbiamo subito l'evento sismico peggiore in 30 anni che ha causato il Boxing Day 2004, lo Tsunami in Malesia e oltre 250.000 persone sono morte.

KC: Quindi stai dicendo che è stato causato da un'esplosione di raggi gamma?

PLV: Burst di raggi gamma. Questo è stato il primo che hanno scoperto emesso dall'interno della nostra galassia. E' stato il più intenso che abbiano mai osservato nella storia della fisica nell'osservazione di raggi gamma.

La coincidenza che sia avvenuto solo poco dopo il peggior terremoto che abbiamo avuto in 40 anni ... È possibile calcolare le probabilità e arriviamo ad una probabilità molto piccola che sia dovuto al caso.

KC: Quindi stai confrontando i raggi-gamma con una superonda, se dovessimo confrontarli come eventi, diresti che la superonda è ... suona come molto più a lungo raggio, sarebbe un impatto per anni alla volta.

PLV: Già.

KC: Ed è il fattore ciclico a differenza del lampi di raggi gamma, che forse non è spiegabile?

PLV: Nel lampo di raggi gamma, probabilmente la stella sorgente esplode completamente in frantumi, così non coinvolge il ciclo. Con le esplosioni dal nucleo, abbiamo a che fare con l'oggetto enorme al centro della galassia - gli scienziati lo chiamano buco nero. Io non credo nei buchi neri e conosco altri astrofisici che non credono nei buchi neri, ma io credo che sia un oggetto molto massiccio. Credo che sia il nucleo di una stella.

Nella naturale evoluzione, una stella emetterà la sua atmosfera e rimani con un nucleo molto denso. Ha una densità simile a una nana bianca, che è, come dicono, di una tonnellata per centimetro cubo; o in un caso estremo, arriva alla densità di una stella di neutroni, che è un milione di volte più grande. Voglio dire, stiamo parlando di una galassia a spirale il cui nucleo è evoluto al punto da iniziare questo ciclo di sfogo. E, per inciso, è così che una galassia è formata. Queste esplosioni hanno effettivamente partecipato alla formazione della galassia. Questo è ciò che causa il fenomeno della spirale, perché senza questi sfoghi, le braccia a spirale si avvolgerebbero su sè stesse. Questo è un problema che gli astrofisici si sono posti: Perchè le braccia a spirale non si avvolgono girando? Beh, perché ci sono queste esplosioni periodiche che fanno come da propellente.

KC: Ma sai cosa provoca questo? Le esplosioni periodiche?

PLV: Già. Ho una teoria che esce dalla Cinetica Subquantica. In Cinetica Subquantica, si dispone di una continua creazione di materia e di energia, fondamentalmente una violazione della prima legge della termodinamica, che non è un grosso problema, lo sai ... forse i fisici lo considererebbero un grande problema.

Ma il punto è che stiamo parlando di un livello di 10 ordini di grandezza più piccolo di quello che possiamo osservare in un laboratorio. In effetti, ho suggerito un esperimento in cui lo possono osservare nello spazio con segnali a microonde fra veicoli spaziali. Ho pubblicato l'ammontare dell'aumento di energia di un fotone in tale periodo di distanza. In realtà, hanno finito per scoprirlo ed è oggi chiamato effetto Pioneer.

KC: Ok. Quindi questa Cinetica Subquantica - Come le definisci - particelle? E 'una teoria ...

PLV: Cinetica Subquantica è il nome che ho dato alla fisica. E 'derivante dal prendere concetti in teoria dei sistemi, l'area che stavo studiando per il mio dottorato di ricerca. Se porti i concetti dei sistemi in fisica e porti, per esempio, i modelli che sono stati sviluppati nel campo della chimica, di come si formano le onde chimiche, mi resi conto che questi, per esempio, costituiscono un ottimo modello per la descrizione della formazione di una particella nello spazio e ci si accorge di risolvere un sacco di problemi che la fisica aveva in precedenza.

La fisica tradizionalmente è stata basata sulla meccanica e stiamo parlando di un approccio basato sulla reazione chimica, alla fisica. In realtà si potrebbe dire che è alchemico e si integra con le idee antiche.

KC: tutto questo è collegato alla fisica iper-dimensionale e alle particelle che sono onde a seconda di come le si osserva?

PLV: Okay, è postulata l'esistenza di dimensioni superiori. L'idea di base, che è quello che mi ha guidato in tutto questo lavoro, è stata la realizzazione che la base dell'esistenza è flusso. Questo è totalmente diverso da quello che i fisici hanno insegnato. I fisici insegnano che la base dell'esistenza è la struttura - ci sono particelle che sono in qualche modo legate l'una all'altra, anche i quark. Parlano di quark in gluoni, la "colla" che li tiene insieme, per così dire. Se iniziano a parlare di flusso ... Perché dal loro punto di vista ... la fisica è una scienza positivista. Vogliono osservare, per dire: Beh, è così. Lo osservo. Dove si trova questo flusso? Beh, non può vederlo. Non è possibile visualizzare questo flusso perché è a livello eterico. È postulato un etere come substrato per la formazione dei fenomeni fisici.

BR: Un burst di raggi gamma è fondamentalmente un evento locale, che proviene da una supernova, che è estremamente distruttivo e potente e noi siamo molto fortunati a non subirne uno da vicino. Fondamentalmente li abbiamo osservati principalmente, se ho capito bene, in galassie vicine. Ma la superonda è qualcosa di diverso, è ciclico, è accompagnato da un'onda gravitazionale, è accompagnato da detriti dei raggi cosmici e dura abbastanza a lungo, come una tempesta e lascia le sue impronte e la sua eco materialmente in campioni di carote di ghiaccio, che divengono la prova tangibile dell'accaduto, che non è riconosciuto. Si può parlare a tutti in modo semplice per la gente , in modo che possano capire in che territorio ci troviamo?

PLV: Okay. Abbiamo anche esplosioni di supernova nella nostra galassia, ma non sono di quelle molto potenti che causano questi lampi di raggi gamma. Finchè, quando vediamo questi lampi di raggi gamma, quello che osserviamo, è solo un grumo di particelle molto energetiche che si sono trovate sulla nostra strada in quel momento. Quando gli scienziati dicono che era molto, molto potente, stanno dicendo: Immaginate che questa fosse la stessa energia da qualsiasi angolazione avessimo osservato la stella, sarebbe stata una quantità astronomica di energia.

Ma è stato solo un piccolo sbuffo, una raffica, poi si abbassa a livelli più ragionevoli. Il fatto è che in realtà non lo sappiamo, queste cose sono così lontane. Ma sappiamo che le esplosioni di supernova che si sono verificate all'interno della nostra galassia, in realtà non ci toccano più di tanto, a meno che non avvengano molto vicino, come entro 30 anni luce, che è un evento molto raro. Ma le esplosioni dal nucleo sono differenti in quanto, invece di appena una frazione di secondo per l'evento, si parla di un periodo, da diversi anni per un evento molto minore a 4.000-5.000 anni. Gli eventi più lunghi possono effettivamente incidere sul clima, perché quello che fanno è vaporizzare il ghiaccio delle comete che circonda il nostro sistema solare e finiscono per spingere questo materiale nebulare nel sistema solare, influendo sul modo in cui arriva la luce sulla Terra dal Sole. Finisce per energizzare al sole. Cade sul sole, il sole diventa più attivo. In realtà il sole finisce per fare più danni alla Terra di quanti ne faccia la stessa superonda. La superonda è come quello che fa arrivare queste polveri e poi le cose peggiorano.

KC: Quindi è possibile che il ciclo solare 24 potrebbe agire sulla Terra come conseguenza di una superonda che va a colpire il sole?

PLV: No.

KC: No.

PLV: No, perché siamo nel periodo intermedio, tra superonde. Il sistema solare è abbastanza pulito dalla polvere. Voglio dire, se il sistema solare fosse pieno di polvere al livello di cui sto parlando, lo vedremmo tutti. Si potrebbe vedere la luna coperta da una nube di polvere o una enorme nube di polvere che attraversa il sole.

KC: Oh, wow.

PLV: Sarebbe sicuramente una notizia da costa a costa; entrambi i lati del pianeta.

BR: Queste nubi di polvere, non stanno anche viaggiando alla velocità della luce dal centro galattico?

PLV: No, no, la polvere non proviene dal nucleo della galassia. E 'già intorno al nostro sistema solare ed è piuttosto stazionaria, relativamente stazionaria, proprio in orbita intorno al sole, normalmente. Ma quando arriva la superonda, crea una sorta di fronte di shock attorno al sistema solare, perché il sistema solare è circondato da campi magnetici e crea quello che chiamano bow-shock attorno all'eliopausa. Eliopausa è il nome di una sorta di guaina protettiva dei campi magnetici attorno al sistema solare.

Nei campi magnetici, le particelle della superonda tendono a rimanere intrappolate in una certa misura e si accumulano fino a livelli molto alti, la densità di energia dei raggi cosmici inizia effettivamente a vaporizzare il ghiaccio. Quando ciò accade diviene effettivamente in grado di aumentare la temperatura, diciamo, da dieci gradi sopra lo zero assoluto, fino al livello in cui il ghiaccio potrebbe vaporizzare e rilasciare polveri e vapore acqueo - gas - nello spazio e questo materiale viene spinto dentro dalla superonda di raggi cosmici. È come una battaglia tra il vento solare e la superonda di raggi cosmici. Il vento solare respinge questa polvere, ma poi la superonda la spinge e questo comprime la guaina del campo magnetico attorno al sistema solare, verso l'interno. Nella mia tesi che ho pubblicato nel 1983, (“On Galactic Core Explosions and Their Effect on the Earth and Solar System”…www.etheric.com/LaVioletteBooks/ EUF-CD.html) suggerivo che alla fine dell'Era Glaciale, la guaina in realtà è stata spinta all'interno quasi nell'orbita di Marte. Quindi da lì, per questa polvere manca solo un balzo breve per arrivare attorno al sole.

Produrrebbe veramente un bozzolo intorno al sole, in modo che il sole non sarebbe giallo come lo vediamo, sarebbe rossastro.

BR: Quindi fammi spiegare quello che penso tu stia dicendo. Stai dicendo che la superonda crea un enorme impatto energetico sui sistemi dinamici nel sistema solare e questo causa così tante complicazioni energetiche - e sto parlando molto in generale qui deliberatamente - e questo è effettivamente ciò che crea i principali cambiamenti metereologici che potrebbero durare alcune migliaia di anni. Perché il riverbero, elettromagneticamente, e le nuvole di polvere, e il comportamento del sole e tutto il resto causerebbe un effetto a lungo localmente alla fine della superonda stessa. Ho capito approssimativamente?

PLV: Già. Pensate a questo nel concetto dei sistemi. Pensate a un sistema, e parlano di perturbazioni al sistema con l'influenza di forza esterna o qualcosa del genere.

BR: Sì.

PLV: Il sistema solare, e in effetti il sistema climatico terrestre, viene turbato da condizioni che normalmente non esistono oggi. L'energia attorno alla Terra cambia. Se è in atto per decenni e decenni, questo è abbastanza lungo per perturbare il sistema climatico della Terra e produrre un'Era Glaciale o per uscire da un'Era glaciale. Se fosse molto breve, non sarebbe sufficiente per causare questo enorme cambiamento climatico che abbiamo visto.

KC: Ma stai dicendo che hai potuto notare che questo è ciclico e che hai osservato che accade ogni 26000 anni, e da quanto ho capito, nel tuo libro parli di astrologia, i Tarocchi, il calendario Maya e tutto questo genere di profezie che, sai, come gli Hopi parlano di ere che attraversiamo. In un certo senso puoi prevederne una piuttosto vicina.

PLV: Esatto.

KC: Secondo il ciclo.

PLV: Già. Beh, ho trovato i cicli di 26.000, 11.500 e 5.700 anni. Questo è stato uno studio fatto da alcune persone nello Stato di Washington che hanno fatto qualche calcolo come una sorta di contributo a Starburst - noi abbiamo gente che a volte aiutano. Abbiamo così potuto capire che siamo in ritardoro.

Ma prima che avesse fatto questo per ottenere una stima dei cicli di natura più scientifica, potevi vedere il mio lavoro. Ho visto ad occhio questi periodi, sia 13.000 che di 26.000 anni. Ma io ero un poco fuori forse. Quello corto è più vicino a 11.500 e poi c'è un periodo di 5.700 anni.

KC: Quindi se arriva più veloce della luce, quindi ...

PLV: Non più velocemente. Sto suggerendo alla velocità della luce, anche se le onde gravitazionali sarebbero leggermente superluminali, proprio all'inizio, se fosse dovuto a uno scatto esplosivo che le porterebbero leggermente davanti in partenza. Ma l'intera cosa viaggerebbe alla velocità della luce verso di noi.

KC: Allora potrebbe succedere in qualsiasi momento. Voglio dire, ho ragione?

PLV: Sì, siamo in un periodo pericoloso. Dovete capire - che molti scienziati non capiscono, perché le loro teorie credono ancora che le esplosioni dal nucleo galattico avvengono ogni cento milioni di anni - dovete capire che siamo ai margini di un vulcano, un vulcano galattico ed è un vulcano attivo e dovremmo attendere a breve l'eruzione.

KC: Quando dici molto breve, perché capisco che parli di un intervallo molto lungo - quanto è molto poco? Parli di un anno? Due anni? Quattro anni? Un centinaio di anni?

PLV: Non lo so. Posso solo dire che c'è una probabilità del 90 per cento nei prossimi 400 anni.

KC: Va bene.

PLV: Penso di essere abbastanza sicuro che qualcosa accadrà, anche se è un piccolo sfogo. Perché l'astronomia moderna è presente solo da qualche centinaio di anni, non abbiamo visto alcuna forte luminosità proveniente dal centro galattico.

KC: Che cosa dici sul fatto che ci stiamo allineando sull'orizzonte del centro galattico? Influisce su questo o lo rende più probabile o cambia il modo in cui ci colpisce?

PLV: No. Quello di cui parli, il calendario Maya e il sole che attraversa il piano galattico, non c'è alcun effetto lì. Devi guardare il periodo e quando l'ultimo evento è accaduto.

E 'interessante che l'evento di 5.300 anni, il piccolo evento della durata di 20 anni o giù di lì, si è verificato poco prima dell'inizio del ciclo del calendario Maya, quello in cui stiamo attualmente. Tale ciclo è cominciato 5.126 anni prima del 2000, o prima del 2012, quindi attorno al 3100 aC. Consideriamo che stiamo vedendo che questo evento è avvenuto circa nel 3300 aC, più o meno qualche centinaio di anni, perché non sappiamo con precisione dalla datazione. Ci basiamo sulle carote di ghiaccio e potrebbe essere un po' fuori. Forse è fuori di un centinaio di anni circa.

BR: Quello che voglio ottenere è un modo per aiutare molte persone che guardano i nostri video, a capire la base scientifica per cui è plausibile che qualcosa possa accadere in questo modo ed è nel nostro interesse capire e forse anche per prepararci, che la gente comprenda intuitivamente. Stanno leggendo le cose su Internet, le cose si distorcono e si sporcano in giro e non sanno cosa stanno leggendo. Sentono questi termini come superonda e gamma-ray burst e non sanno cosa vogliono dire e non sanno se questa è roba inutile o se sia realmente qualcosa che potrebbe incidere sulla loro vita e cambiare la loro vita e non sanno quale base ci sia per prendere queste cose sul serio e per capirne di più.

Il motivo per cui siamo qui a parlare con te è perché sei l'uomo che rappresenta ed è il portavoce di queste idee importanti. E dico che sono idee importanti, perché ogni ipotesi in fisica è un'idea importante. Anche se è smentita, è stata un'idea importante fino a quando non è stata smentita e questo porta avanti tutta la cosa, come capirai. Quindi, ecco l'occasione che hai per spiegare ai telespettatori nel miglior modo perchè questi fenomeni dovrebbero essere presi sul serio secondo te, quale impatto potrebbero avere su di noi. Quali sono le probabilità? E' un catastrofismo che dobbiamo ignorare, e dire: Sai una cosa, tutto sta andando bene, perché è sempre andato bene? O forse i registri geologici dicono che le cose non sono sempre state belle e dovreste stare all'erta, perché viviamo su un pianeta instabile in un sistema molto dinamico, che è colpito da ogni sorta di cose che stiamo solo iniziando a capire.

PLV: Beh, quello che stai dicendo è la stessa domanda che ha attraversato la mia mente: si tratta di un fenomeno reale? Questo è ciò che mi fece cambiare il tema della mia tesi di laurea, il dottorato di lavoro, per indagare il fenomeno della superonda. Nel 1979 ho scoperto che questo potrebbe accadere. Ho formato una ipotesi. L'ho chiamata l'ipotesi dell'Esplosione Galattica e ha convinto la mia commissione di tesi di laurea che avrei potuto verificare questa ipotesi, e che avrei potuto produrre un dottorato di ricerca su questo, che non avrei potuto fare in un sacco di università. E'successo che mi sono trovato in un programma molto interdisciplinare, così l'idea di portare evidenza da vari settori - dalla geologia, dall'astronomia, dalla paleontologia, dalla fisica delle alte energie - era compatibile con questo programma. Alla fine ho riassunto le prove ed ho trovato che tutto sembravano sostenere questo concetto di una superonda passata effettivamente attraverso il nostro sistema solare fra undici e sedicimila anni fa, causando grandi effetti sul clima.

Abbiamo avuto una estinzione di massa molto significativa, chiamata Estinzione del Pleistocene, dove i grandi mammiferi sono morti insieme a specie di uccelli e un certo numero di altri animali. Alcune persone hanno detto che è stata la peggiore estinzione dopo quella dei dinosauri. Stavo anche attingendo da leggende antiche, anche se non le ho inserite nella tesi, ma credo che questa sia una preziosa fonte di informazioni.

BR: Beh, il mito del Diluvio, per esempio.

PLV: Il mito del Diluvio, la storia del sole che brucia la terra, Horus punto dallo Scorpione - lo Scorpione è il segno in direzione del centro galattico - cose come questa.

BR: La coda dello scorpione nel simbolo astrologico punta effettivamente verso il centro galattico.

PLV: Esatto.

BR: Come se gli antichi stessero cercando di dirci qualcosa.

PLV: Già. Ci sono due frecce nei simboli astrologici. Ora, ricordate che i segni, ciò che noi chiamiamo i segni astrologici, sono le costellazioni reali là fuori e questo è il modo in cui sono stati originariamente formati, come costellazioni di stelle.

Ci sono due frecce nello Zodiaco. Una è la freccia del Sagittario e l'altra è la coda dello Scorpione ed entrambi puntano, a quanto pare, a qualcosa. Questo è stato il mio primo collegamento tra l'astrologia e il fenomeno dell'esplosione dal Nucleo Galattico, quando mi resi conto che il centro della galassia è in quella regione dove loro stavano puntando.

BR: Quindi stai postulando che gli astrologi antichi, che erano anche astronomi, stavano cercando di lasciare un messaggio per noi, in modo tale che non si perdesse nel tempo.

PLV: Esatto. Credo che la Zodiaco fosse un crittogramma, un messaggio incapsulato nel tempo, che è stato creato per mettere in guardia la civiltà future del nostro pianeta.

BR: Quindi così è iniziato il tuo viaggio intellettuale, ma presumibilmente non potevi dire questo nella tua tesi di laurea.

PLV: Esatto. Non ho inserito niente di tutto questo. Voglio dire, chi se ne importa, davvero, di dove prendi la tua idea? Il punto è che fai una ipotesi e la metti sotto test - ci sono prove scientifiche? - Questa è la cosa più importante dal punto di vista scientifico di cui ti occupi.

KC: Quindi, ciò che lei dici è che non parliamo di spostamento dei poli, non ne vedi la prova reale - e forse puoi spiegarmelo- ma la mia comprensione è che dici che non ci sono state inversioni polari in quei periodi di 26.000 anni , ma invece, questa superonda galattica, un'esplosione. O anche nei cicli di 13.000 o 12.000 anni.

PLV: Esatto. Credo che i cambiamenti climatici degli altri, io non so se volete chiamarli scienziati - che altri teorici hanno suggerito, che uno spostamento dei poli è stato coinvolto nei cambiamenti climatici. Prima di tutto, ci sono così tanti cambiamenti di clima anche durante i Giovani Dryas, tra 11.600 e 13.000 anni fa. Si vede qualcosa come 40 cambiamenti principali del clima entro tale periodo freddo e dire che è stato a causa di uno spostamento in avanti e indietro dei poli diviene un po' assurdo.

BR: Okay. Qual è la tua risposta al serio lavoro di Charles Hapgood e Rand Flem-Ath e Colin Wilson che hanno reso popolare il concetto?

Voglio dire, tendiamo a chiamarla inversione dei poli, ma si parla di spostamento della crosta terrestre. Capisco che non credi che la teoria dello spostamento della crosta terrestre sia valida e sarei molto interessato a conoscere il motivo a tuo avviso.

PLV: Sai, se le prove lo sosterrebbero, sarei per questo, ma basta andare alla prova della carota di ghiaccio per provare la teoria. Per esempio, il signor Flem-Ath stava parlando dell'Antartide come più vicina a dove il Cile si trovava durante il periodo glaciale, e che improvvisamente si è spostata verso il basso alla sua posizione attuale alla fine dell'era glaciale. Okay, se fosse vero, allora ci si aspetterebbe che il clima in Antartide sarebbe stato più caldo durante l'era del ghiaccio e non si vede questo. Gli ho mandato qualcosa come quattro curve del clima dell'Antartide che mostrano che è stato più freddo durante l'era glaciale, da diverse parti dell'Antartide. E non sembra averlo smosso, immagino. Ma per me, guardando i dati, escludo una inversione dei poli.

BR: Quindi, qualsiasi tipo di crosta ...

PLV: Inoltre avrebbe provocato violente oscillazioni degli oceani, che ci si aspetta, se ci fosse una cosa simile. Allora come mai non troviamo i depositi di acqua salata nelle terre? Noi troviamo depositi di alluvione, ma è a causa di acqua dolce, che per me è dovuto alla fusione dei ghiacciai - una fusione catastrofica.

BR: La catastrofica fusione dei ghiacciai potrebbe spiegare il Diluvio Universale?

PLV: Sì. Sì.

BR: Ci fu tutta quell'acqua?

PLV: Sì. E 'qualcosa che non succede oggi, perché non abbiamo strati di ghiaccio. Abbiamo calotte di ghiaccio. Come in Islanda, abbiamo situazioni in cui il ghiacciaio si è sciolto in una certa zona per un vulcano e crea una sorta di serbatoio d'acqua, che esplode alla fine attraverso una diga e si riversa verso il basso. La chiamano raffica da ghiacciaio. Questi sono eventi molto piccoli rispetto a quello che stava accadendo durante l'era glaciale.

BR: Quindi, perchè vi sia stato un diluvio universale come quello descritto nei miti, lo strato di ghiaccio avrebbe dovuto essere molto più grande e il livello del mare più basso di quanto lo sia al momento e ci sarebbe uno scioglimento catastrofico. La tua teoria è che questo non poteva che essere stato prodotti da un grande evento di scala cosmica, che stai chiamando superonda. È così?

PLV: E 'stato soprattutto il sole. La superonda ha stimolato le condizioni che hanno reso sempre più attivo il sole.

BR: Okay.

PLV: Anche la polvere cosmica attorno alla Terra crea effettivamente, in alcuni casi, un effetto di riscaldamento in quanto può effettivamente disperdere la luce che normalmente va nello spazio di nuovo sulla Terra e crea una specie di effetto serra interplanetario.

BR: Okay.

PLV: Questo era qualcosa che non succede solo sulla Terra, ma vediamo anche la prova su Marte, dei canyon che sembrano essere stati tagliati da inondazioni enormi di acqua.

BR: Sì.

PLV: Credo che Marte sia in gran parte coperto dalla coltre di ghiaccio. E' come una specie di tundra. Le pareti del canyon sono in realtà di ghiaccio che si sarebbe fuso durante alcuni di questi eventi. Soprattutto ci sono casi in cui la Terra fu colpita da espulsioni enormi di massa coronale. Abbiamo le prove di rocce lunari vetrificate e uno scienziato della NASA ha suggerito che la luna è stata esposta alla radiazione molto intensa proveniente dal sole per causare questo, qualcosa come 100 volte maggiore della luminosità del sole, per almeno 100 secondi.

Nella mia tesi ho proposto l'alternativa, che forse sia la Terra che la Luna siano state inghiottite in una espulsione di massa coronale, e che questo calore sia stato abbastanza forte da fondere le particelle sulla luna.

KC: La tua teoria spiega la perdita di acqua su Marte, a seguito di un'azione della superonda sul sole?

PLV: Puoi dire di più sulla perdita di acqua su Marte?

KC: Beh, mi risulta che ci fosse acqua su Marte e forse anche abbondante acqua e che a un certo punto è scomparsa e ci sono diverse teorie per spiegare la scomparsa.

PLV: Marte ha circa due chilometri di profondità di ghiaccio.

KC: In questo momento, vuoi dire.

PLV: E 'coperto con una lastra di ghiaccio da un polo all'altro. Potreste trovare alcune aree rocciose, ma per la maggior parte è di ghiaccio.

Perché sembra avere una superficie polverosa? Perché su Marte quando il sole splende su questa superficie ghiacciata, il ghiaccio sublima, si trasforma direttamente in gas e lascia la polvere dietro. Così, per i primi pochi centimetri è solo polvere, ma sotto c'è quello che noi chiameremmo permafrost.

KC: E' stato convalidato dal Rover, il Rover su Marte?

PLV: Sì, avevano il Rover in giro proprio un anno fa o due.

KC: Esatto.

PLV: Avevano le immagini che sono arrivate e, piuttosto sicuro, c'erano blocchi di bianco che era davvero ghiaccio mescolato con lo sporco. Il motivo per cui sanno che era ghiaccio, è che hanno preso le immagini un pò più tardi, quando il sole aveva la possibilità di brillare su di esso ed era scomparso, evaporato. (Ride) Quindi, questa roba è appena sotto la superficie. In realtà, essi vedono burroni che sembrano appena formati da acqua corrente, quindi in alcuni casi questo ghiaccio si scioglie. Finché è sotterraneo, c'è abbastanza pressione per farlo trasformare in acqua e può effettivamente sgorgare dai fianchi di alcuni di questi canyon e creare questi dirupi.

BR: Questo è abbastanza interessante.

PLV: Docevo questo su Marte, che è coperto dal permafrost, tempo indietro, e sempre più dati sono venuti fuori con i satelliti ... Hanno fatto di rilevamento radar, e hanno scoperto che è a diversi chilometri o giù di lì con l'acqua in profondità. Non è acqua pura - è mescolata con polvere e altro.

BR: Non ero a conoscenza di questo.

PLV: Quindi andando su Marte, non c'è dubbio che troveremo l'acqua. Voglio dire, ovunque atterri, tutto quello che devi fare è prendere qualcosa per sciogliere quello che scavi.

BR: Okay. Torniamo a 11, 12 mila anni fa. Uno degli eventi sul record storico legittimo, secondo Platone, è l'affondamento di Atlantide nello stesso periodo di tali estinzioni di massa di tutti i grandi mammiferi, e così via. E' possibile che un superonda sia stata accompagnata dal tipo di onde gravitazionali che credo nel tuo pensiero, non provochino uno spostamento della crosta terrestre, ma penso che le tue parole dicano che influenzino il pianeta a un punto tale che da portare a gravi conseguenze, causando terremoti e altri disastri.

PLV: Sì. Non c'è bisogno di avere davvero un enorme spostamento dei poli per causare gravi perturbazioni sismiche del pianeta.

KC: Cosa dici dello spostamento dei poli magnetici? E' collegato al resto?

PL: Credo che l' inversione magnetica sia dovuta ad effetti del sole sulla terra. Accade che - lo descrivo nella mia tesi e negli articoli - quando una espulsione di massa coronale arriva, le particelle dei raggi cosmici solari restano intrappolate nel campo magnetico della Terra. Esse producono quelli che vengono chiamate fasce di radiazione attorno alla Terra. Le particelle finiscono alla deriva, gli elettroni in una direzione, i protoni nell'altra e questo genera quella che chiamano corrente ad anello - questa è tutta geofisica accettata - e produce un campo magnetico opposto al campo terrestre.

Hanno osservato questo dopo l'evento nel 1956 del protone solare, quando una espulsione di massa coronale, abbastanza grande, colpì la Terra. Hanno osservato una riduzione dell'1% del campo magnetico in quel momento. Quindi tutto quello che dovete fare è portare questo ad una scala maggiore di cento volte e ci sono stati degli eventi che sono stati così forti nel periodo dell'estinzione dei mammut e si vede dal carbonio-14. Questa è una cosa che sto per pubblicare. Questo è molto nuovo. In realtà ho trovato nel cuore di ghiaccio l'evento della pioggia di raggi cosmici che ha colpito il pianeta. Questo sarebbe stata energia sufficiente ad annullare di fatto il campo magnetico della Terra.

KC: Quindi stai dicendo che l'affondamento di Atlantide ne è risultato?

PLV: No. Ho una visione completamente diversa della storia di Atlantide. Credo che sia un racconto allegorico. Non credo ... e ho litigato con persone che sono appassionati di Atlantide. Sono convinti che troveranno un'isola con fossati e argini attorno.

Ora, questa è la parte in Crizia. Il mito di Atlantide è spezzato in due parti, una nel libro Crizia di Platone e una nel suo libro di Timaeus.
Il mito Crizia è la creazione di Atlantide e il mito Timeo è sul Diluvio, che calcoli la data fornita nel mito di Platone, si tratta di circa 11600 anni fa, quando in realtà ci fu un periodo molto accelerato dello scioglimento dei ghiacci. Il livello del mare si stava alzando molto rapidamente a quel tempo, quindi avevamo le inondazioni. Credo che nel mito di Timeo, Atlantide simboleggia lo strato di ghiaccio. L'affondamento significa che lo strato di ghiaccio si stava sciogliendo.

Se ricordi il mito, parla di Atlantide che si lascia dietro un banco di fango. Quando il ghiaccio si scioglie causando le alluvioni, è quello che hai, un banco di fango. Così in effetti Atlantide, lo strato di ghiaccio nordamericano, che è quasi come un continente - se ne parla come di un continente - si è dissipato ed è ora nelle acque, l'oceano.
In effetti nel libro di Platone leggi una discussione tra Solone, il sovrano di Atene e un prete in Egitto, a Sais, in Egitto. Il prete gli dice che questi miti, come la storia di Atlantide o il mito della conflagrazione su Fetonte e il Carro del Sole, dove il sole ha finito per bruciare la Terra, che queste sono storie allegoriche. Queste cose in realtà non sono avvenute nel modo in cui i miti le descrivono. Si deve dedurre che si tratta di una parabola, le si deve guardare allegoricamente. Ad esempio, egli ha fatto riferimento alla storia di Fetonte, che questo rappresenta davvero corpi celesti nei loro effetti sulla Terra, infatti, in questo caso il sole.

KC: Quindi che dire sul fatto che riportano che i poli magnetici si stanno spostando ora. Sei d'accordo con questo?

PLV: Di quanto stanno dicendo? (Ride)

KC: Beh, io non ho i numeri. Bill, ci puoi spiegare? Penso che abbiano effettivamente ha detto che vi è uno spostamento evidente e recente.

BR: Sì. Non ho i numeri. La mia comprensione è che è riconosciuto che vi sembra essere un graduale spostamento e avviene a causa di una debolezza ... Sembra esserci un graduale spostamento in corso. Non ho i numeri. Ciò può significare che è difficile per noi parlarne, ma ho pensato che questo è stato riconosciuto. Forse mi sbaglio.

PLV: Beh, l'intensità del campo magnetico è cambiata nel tempo. E' variato su e giù di circa il 50 per cento nel corso di questo ultimo periodo interglaciale, gli ultimi 11000 anni. In realtà si sta indebolendo da 2.000 anni fa. Ecco, questo è un trend che probabilmente potrebbe continuare. Non ho guardato gli stessi dati cui state parlando.

KC: Ok. Per tornare alla superonda galattica e al suo impatto sulla Terra e a quando potrebbe accadere, stai usando le predizioni... ti riferisci a cose come certi, come i Tarocchi, come l'astrologia, come, sai, l'I Ching, eccetera, per predire l'avvento della superonda?

PLV: No.

KC: Ok. Allora, cosa stai usando?

PLV: E' tutto basato sulla scienza. E qualcosa che non abbiamo ottenuto è: Quali sono le evidenze per l'evento passato? Io davvero non entro in questo.

KC: Ok. BR: (non chiaro)

PLV: Ho fatto una serie di previsioni e una era - e questa era la prova chiave che ho eseguito, ma ne ho fatte altre - era che se ciò fosse realmente accaduto, avrebbe spinto polvere cosmica nel sistema solare e dovremmo, quindi, vedere livelli più alti in quel momento. Così ho fatto uno studio su campioni di carote di ghiaccio. Me ne ha inviata qualcuna Lonnie Thompson, e ho anche avuto qualche nucleo di ghiaccio direttamente dal laboratorio e ci ho lavorato da solo. Ho usato la Neutron Activation Analysis, che è una tecnica in cui si irradia la polvere che filtri dal ghiaccio. La irradi in un reattore nucleare e diventa radioattiva e osservi cosa c'è dentro.

Stavo cercando in particolare il nichel e l'iridio, che, ad esempio, l'iridio è 10.000 volte più abbondante nel materiale cosmico di quanto lo sia nel materiale tipico della crosta. Io, infatti, ha trovato picchi in cui il livello iridio, per esempio, era centinaia di volte superiore a quello che normalmente otteniamo oggi, quindi ha indicato che qualcosa era accaduto realmente. Si trattava di una scoperta che è stata così importante come la scoperta del picco di iridio in corrispondenza del limite Cretaceo-Terziario. Ora, la differenza che c'è è che hai un premio Nobel nella squadra, insieme ad altri tre che erano membri della facoltà di Berkeley. Ero con una università conosciuta moderatamente, Portland State, ma non ero in un programma di astronomia o geologia, io ero nel programma di sistemi.

Quindi questo è stato sorvolato a quel tempo. E 'stato citato da alcuni astronomi nel Regno Unito - Victor Klube - per la sua teoria (ride) in realtà prima che i miei risultati fossero pubblicati, che mi ha spuntato un po', dicendo che una cometa aveva colpito la Terra circa 14.000 anni fa.
Come si è scoperto, la mia datazione è stata fuori in quel momento perché le carote di ghiaccio non venicano correttamente datate in quei giorni - è stato nei primi anni '80. Quando ho finalmente trovato la datazione corretta dei campioni di ghiaccio che ho datato, si è scoperto che erano tra i 35.000 e 70.000 anni d'età, quindi stavo cercando in un periodo tra i primi anni e la metà dell'Era Glaciale, piuttosto che la parte che volevo verificare. In realtà il ghiaccio mancava dal record di ghiaccio di quel periodo, perché era già stato campionato. Questa è stata la zona più interessante che i ricercatori volevano vedere, era la fine dell'era glaciale, così anche se avessi voluto non avrei potuto studiare questa parte.

KC: Beh, come si fa a spiegare questo?

PLV: Perché manca il ghiaccio? Perché altri ricercatori l'hanno campionato molto pesantemente e tutto il ghiaccio è stato inghiottito. Sono arrivato tardi nel gioco, per così dire. Quei nuclei erano in giro da almeno cinque anni prima che iniziassi il mio test.

KC: Ma stai dicendo in sostanza che hai dimostrato il fatto che c'è stata una escalation nella quantità di iridio, come l'hai chiamata.

PLV: Beh, era la prima volta che elevata quantità di polvere cosmica è stata trovata nel record di ghiaccio. Infatti, in uno dei campioni, ho trovato livelli elevati di oro che sarebbe stato, se fosse stato un deposito, avresti fatto un sacco di soldi in quella sezione.

KC: La datazione?

PLV: Circa 50.000 anni fa.

KC: Ok. Beh, io non sono sicuro che questo sia relativo, ma la mia comprensione ... Non so se si va indietro ai giorni degli Anunnaki quando presumibilmente ... sai, il lavoro di Zecharia Sitchin e il fatto che estraessero dell'oro da mettere in atmosfera nel loro pianeta proprio per proteggerlo dai raggi del sole e così via, la perdita di atmosfera. C'è qualche correlazione nella la tua ricerca dove trovi un sacco di oro nei campioni che arrivano da 50.000 anni fa?

PLV: Beh, l'oro è anche un materiale molto presente nella polvere cosmica. Potete trovare diverse centinaia di migliaia di volte più oro nei meteoriti e polvere cosmica di quanto ne trovereste nel tipico di materiale della crosta terrestre. Così la Terra, credo, era esposta a maggiori quantità di polvere d'oro.

In realtà, pepite d'oro potrebbe arrivare dallo spazio. Avete storie mitiche di meteore d'oro, dove trovano una pepita. In realtà, questo oro tende a concentrarsi nella parte inferiore dei depositi di ghiaia. Ogni volta che c'è un diluvio, la roba pesante va prima in deposito e così qualunque cosa venisse giù è finito per essere concentrato da queste inondazioni in alcuni strati. Ma comunque, questa è stata una vittoria per l'ipotesi. Inoltre, ho notato che alcune esplosioni di supernova - in effetti questo è stato parte di quello che mi ha stimolato sui fenomeni della superonda - che non era solo un'esplosione al centro della galassia, ma qualcosa è uscito e stava effettivamente innescando esplosioni di supernova, spostandosi fuori dal centro.

KC: Oh, ok, quindi in realtà influenzava le stelle.

PLV: Colpisce le stelle, sì. Stelle che si trovano vicine pronte ad esplodere che potrebbero essere nella parte instabile della loro storia, finiscono per esplodere.
Ad esempio, la supernova Vela si è verificata nel momento in cui questa superonda si stava muovendo attraverso la nostra area. La Vela è la supernova più vicina al sistema solare; e poi la Nebulosa del Granchio, che era 6.000 anni luce più lontana, quindi si è verificato in seguito. E' documentato nei registri cinesi del 1054 dC, 4 luglio (ride) a quanto pare. E' stato osservato. Dovete capire che ci vuole tempo perché la luce arrivi da noi, quindi è come 6.500 anni-luce di distanza nella direzione opposta al centro galattico. Quindi devi attendere circa 6.500 anni perchè la superonda arrivi, poi attiva questo, e abbiamo altri 6.500 circa. Ecco perché lo abbiamo visto più di recente.

Quando ho tracciato i resti di supernova nuovi, ho trovato che essi tendono ad allinearsi su questo orizzonte degli eventi, come lo chiamo io. In realtà è un orizzonte ellissoidale quando lo si traccia con la Terra in uno dei fuochi e il centro galattico nell'altro. La ragione di ciò - perché non è una sfera? Perché se pensi questo, in realtà la superonda viaggia come una sfera, una conchiglia, ma per noi, dobbiamo tener conto dei tempi necessari alla radiazione per raggiungerci. Quindi, se questi elettroni dei raggi cosmici generano onde radio in un certo sistema stellare, dovete lasciare il tempo necessario alle radiazioni per raggiungerci. Quello che si vede è che c'è un guscio di radiazioni radio là fuori e ci siamo all'interno, generato da questi raggi cosmici della superonda mentre escono interagiscono con i campi magnetici e così via. Quando lo si traccia su un grafico, questo modello si adatta come un guanto a una cosiddetta radiazione cosmica di fondo, che è riconosciuto che sia prodotta dai raggi cosmici, ma gli scienziati non hanno davvero una buona spiegazione del perché si trovi lì. Sai, stanno suggerendo: Beh, forse queste esplosioni di supernova contribuiscono. La previsione del modello della superonda è migliore di tutto ciò che è stato pubblicato prima.

BR: E ' la radiazione di fondo che la maggior parte dei cosmologi credere essere la prova del Big Bang?

PLV: No. Stai parlando dello sfondo di microonde. Questo è lo sfondo radio galattico.

BR: Okay.

PLV: E più di recente hanno trovato che esiste anche uno sfondo galattico di raggi gamma che è una emissione diffusa e non possono spiegare perché è diffusa. Si aspetterebbero che se fosse dovuto a stelle, si dovrebbero vedere qua e là ciuffi di raggi gamma. Invece, è molto diffusa. E ancora, io credo che sia dovuto al guscio di raggi cosmici che esce. Il fatto è che la maggior parte dell'energia dalla superonda finisce per essere diretta verso l'esterno dal centro galattico, quindi una volta che passa, non lo si vede molto facilmente. Questa radiazione che stiamo vedendo, che riportano gli astronomi, è solo quando i raggi cosmici finiscono per impigliarsi in un campo magnetico e girano i loro riflettori verso di noi.

In altre parole, irradiano questa energia, questa emissione radio, verso l'esterno nella direzione in cui viaggiano, ma se vengono catturati e si voltano, allora ne vedremo alcuni. Ma questa è una piccola frazione di questi raggi cosmici. Siamo molto consapevoli quando sta accadendo. Quando arriva all'improvviso, si sa, vedremo una stella bianco-blua nel cielo simile a quello di cui parlano gli Hopi e vedremo un sacco di attività come aurore attorno all'eliopausa, il guscio intorno al sistema solare. Vedremo attività aurorale nel nostro campo magnetico.

KC: Che cosa dici sugli effetti sul DNA? Hai postulato eventuali effetti?

PLV: Beh, se capisci i livelli di cui stiamo parlando ... perché non puoi postulare un'intensità troppo alta dei raggi cosmici, perché altrimenti, se fosse il caso, la superficie della Terra sarebbe radioattiva, come se avresti enormi livelli di carbonio-14. Infatti quella era una restrizione che ho dovuto mettere nel mio modello. Guardando a livelli ragionevoli, avresti un leggero aumento del tasso di mutazione, forse un doppio o triplice tasso di mutazione in quel momento.
Tuttavia, non sono i raggi cosmici della superonda la cosa più preoccupante. Sono quelli dal sole, perché una volta che il sole ... Questo è solo il caso delle superonda di lunghissima durata dove la polvere è entrata e ha circondato il sole abbastanza a lungo per portarlo in ciò che noi chiamiamo stella T Tauri. Perché vediamo stelle simili al nostro sole, che sono in bozzoli di polvere e che sono molto attive e vomitando espulsioni di massa coronale e super brillamenti solari. Quindi una volta il sole va in quella fase, e uno di questi eventi di grandi dimensioni - come gli eventi di estinzione- colpisce la Terra, allora non ottieni solo grandi cambiamenti mutazionali, ma anche possibile morte se vi capita di essere beccati fuori quando questo accade.

Ed è interessante, i geologi hanno trovato un collegamento fra estinzioni e inversioni magnetiche e non potevano davvero capire il perché di questa connessione. Se il campo della Terra va a zero, si otterrà forse un raddoppio del fondo di raggi cosmici sulla Terra, in modo che non sarebbe sufficiente a provocare una estinzione; forse accelererebbe il tasso di mutazione. Ma se entrambi fossero dovuti a una espulsione di massa coronale dal sole - è stato un evento di estinzione - questo lo spiegherebbe. Quindi sono entrambi dovuti a una terza causa, non sono direttamente in relazione causale.

BR: Sembra molto interessante, sicuramente al livello in cui possiamo parlare su questo in un piano non-scientifico, per così dire, ma quale misura di sostegno e di interesse hai avuto dalla comunità dominante scientifica?

PLV: Sono stato, ad esempio, alla Conferenza sulla Galassia e il Sistema Solaree e c'era anche la Lunar and Planetary Science Conference di Houston, dove ho dato un poster paper. Mi sono fermato davanti a una board dove ho esposto tutto e spiegato alla gente cosa sarebbe venuto fuori e ho parlato con alcuni astrofisici specializzati sui raggi cosmici, di livello abbastanza, che hanno trovato l'idea molto plausibile.

Nessuno ha pubblicato un documento contro la teoria. Speravo che qualcuno potesse, perché avrei inchiodato le orecchie al muro. (Ride) Sento che l'evidenza è così forte a sostenerlo. Fondamentalmente, in generale, perché non saltano tutti sul carro? Beh, è un importante cambiamento di paradigma. Il paradigma è che tutto è tranquillo là fuori, noi non abbiamo niente di cui preoccuparci, non si vuole entrare nel catastrofismo perché ti rende emotivo; le emozioni non dovrebbero stare nella scienza, non dobbiamo avere paura quando facciamo scienza. Realmente non ho paura di questo, io sto solo studiando il passato. È qualcosa, sai ... Sei interessato, è qualcosa che dovremmo conoscere, sul nostro futuro. Ma la scienza è sempre rimasta lontano da queste zone, le cose che riguardano il catastrofismo. Se si guarda ai problemi che il gruppo di Berkeley ha avuto quando hanno fatto una scoperta sui dinosauri colpiti da una cometa o un asteroide ... sono stati attaccati da molte persone, molti geologi che ritenevano che dovremmo fare solo geologia sulla base di quello che accade sulla Terra: vulcani, questo genere di cose.

Questo è accaduto circa 65 milioni di anni fa. Ora potete immaginare di cosa parlo, 13.000 anni fa o 16.000, è nel reame della razza umana e le persone hanno più paura di entrare. Si domandano: Beh, se scrivo a supporto di questa idea, quali sono le conseguenze per me? Però il mio documento è stato citato, l'ho pubblicato. Ho pubblicato in journals, molti ben conosciuti, in Monthly Notices, in Astrophysics and Space Science, per dirne alcuni; EOS, che è più una newsletter scientifica.

KC: Hai anche a che fare con, voglio dire questa superonda galattica, con la fisica cinetica?

PLV: Cinetica Subquantica?

KC: Cinetica Subquantica, come parte di questa teoria della superonda galattica. Se parli di fisica subquantica, parli anche dell'etere, come impatta sullo spazio...

PLV: L'etere è un argomento controverso infatti. La Cinetica Subquantica è una teoria eterica. Però non devi portare questo dentro nel fenomeno della superonda. Il fenomeno della superonda può essere basato interamente sulla nostra visione corrente della fisica.

KC: Capisco, ma sono interessata perchè ovviamente pensi ad entrambe le cose, che debba esserci un posto in cui si legano nella tua mente, in teoria.

PLV: E' stato il mio lavoro nella Cinetica Subquantica che mi ha portato alla scoperta del fenomeno della superonda. E' stato un lungo percorso. (ride)

counter
visitatori unici (italia)



Sostieni Project Avalon - fai una donazione:

Donate

Grazie per il vostro aiuto.
La vostra generosita' ci permette di continuare il nostro lavoro.

Bill Ryan

bill@projectavalon.net


unique visits